Seno mascellare

/Seno mascellare
­
Banner Implantologia Dentale

Il seno mascellare fa parte delle ossa craniche, ha una forma tipicamente triangolare ed è posizionato poco sopra l’arcata dentale all’incirca ai lati del naso. Fa parte di un complesso osseo di seni paranasali appunti che prendono il nome dalla loro posizione (gli altri 3 sono detti frontale, sfenoidale, etmoidale).

Il seno mascellare è deputato come gli altri a favorire la corretta areazione superiore naso-gola attraverso minuscoli orifizi collegati direttamente alle cavità nasali, grazie ai quali si mantiene la giusta umidità e il riscaldamento dell’aria prima che questa arrivi nei polmoni.

Evitare l’intervento di innesto osseo

La tecnica degli impianti zigomatici è una valida alternativa alla ‘ ricostruzione delle arcate ossee‘ qualora il paziente dovesse presentare una ‘atrofia’ talmente grave che la tipica metodica ‘All on four’ non può essere applicata.

Rialzo del seno mascellare

Il seno mascellare si trova in corrispondenza dei molari dell’arcata dentale superiore e, quando questi vengono perduti, si determina un ritiro dell’osso mandibolare che poi risulta insufficiente nel momento in cui si va a posizionare un impianto dentale.

Questa parte di osso risulta infatti meno consistente rispetto al resto del cavo orale in quanto il seno mascellare è formato da una cavità che è caratterizzata dalla presenza di aria e si trova in prossimità dell’area radicolare dei molari.

Se questi cadono e non vengono subito rimpiazzati la cavità piena d’aria tende ad avanzare (si parla infatti di “pneumatizzazione”) e l’osso stesso si atrofizza, determinando la necessità di un trapianto osseo, detto appunto rialzo del seno mascellare.

Non è bene infatti che trascorra molto tempo dalla perdita dell’elemento all’inserimento dell’impianto dentale.

rimedio-al-seno-mascellare

Il dentista quindi deve eseguire un trapianto osseo che può essere effettuato prelevando materiale omologo in frammenti, dove il donatore è il paziente stesso, oppure usando materiale biocompatibile capace di ricreare tessuto osseo utile allo scopo.

Nel Video ci vengono mostrati i due metodi del trapianto osseo per rialzare il seno mascellare

Per eseguire il trapianto osseo bisogna intervenire chirurgicamente sollevando la membrana che ricopre la parete interna del seno mascellare.

Si pratica un piccolo foro in modo da raggiungere la zona interessata e si “solleva” con l’osteotomo, facendo molta attenzione a non perforarla. Si crea in tal modo una sorta di piccola cupola attraversando la cresta dove prima spuntava il molare: per tale motivo viene anche chiamato rialzo del seno mascellare crestale.

La cavità ottenuta verrà riempita dal materiale biologico o compatibile che, mescolandosi alla presenza di sangue, favorirà la ricrescita dell’osso.

Il seno mascellare rialzato e l’implantologia

L’impianto viene inserito nella stessa seduta in quanto è stato praticato uno spazio che può accogliere il/i perno/i in titanio. La parte di osso residua è provvisoriamente sufficiente ad accogliete la radice artificiale in attesa dell’osteointegrazione che stabilizzerà definitivamente l’impianto dentale entro qualche mese.

Intervento rialzo seno mascellare

Share This