Banner Implantologia Dentale

L’osteointegrabilità è relativa all’implantologia dentale e al successo che si ottiene quando viene posizionato un impianto dentale con protesi fissa.

L’impianto dentale infatti viene fissato nell’osso mandibolare e mascellare attraverso il posizionamento dei perni che solitamente sono in titanio, materiale caratterizzato da purezza e altamente biocompatibile, che preserva da infezioni e possibili rigetti.

Oggi con la rivoluzionaria tecnica del carico immediato è possibile inserire un impianto dentale in una sola seduta,e nei casi particolari massimo in due.

Certamente i tempi sono molto più brevi rispetto al passato, quando si dovevano attendere mesi perché si concretizzasse l’osteointegrazione e si potesse avere finalmente la dentiera.

Con il carico immediato invece il paziente può avere fin da subito denti fissi provvisori e dopo circa 4-6 mesi sarà possibile posizionare la protesi fissa definitiva, sostenuta dai perni che si sono perfettamente integrati all’interno dell’osso.

Il processo di osteontegrazione è possibile soltanto quando la quantità e la qualità dell’osso sono tali da poter reggere alle sollecitazioni della masticazione, soprattutto nella regione posteriore delle arcate dove si trovano i molari.

Nel caso in cui l’osso non fosse sufficiente si può effettuare un trapianto prelevando materiale dallo stesso paziente nella zona iliaca (osso dell’anca) o nella zona del cranio, eseguendo quindi un trapianto omologo. In alternativa si può optare per l’uso di materiale sintetico biocompatibile che svolge la stessa funzione e nello stesso lasso di tempo. Il dentista solleverà il bordo gengivale e applicherà, a intervento finito, alcuni punti di sutura, permettendo al paziente di usufruire di un impianto dentale osteointegrato a seguito della neoformazione ossea.

L’osteointegrabilità in ambito odontoiatrico è determinata anche dalla qualità del materiale, che dev’essere altamente biocompatibile come il titanio, e dalla professionalità e preparazione del dentista.

Se i perni sono inseriti rispettando tutte le normative igienico sanitarie e i presidi a disposizione del dentista, di certo l’osteointegrazione avrà successo e l’impianto non sarà soggetto ne a infezioni, ne a una reazione immunitaria che riconosce come estraneo il materiale stesso degli impianti.

L’infezione probabilmente più pericolosa per gli impianti dentali infatti è la perimplantite, che porta gradualmente alla perdita dell’impianto a causa del ritrarsi prima delle gengive e poi dell’osso stesso, che non riesce più a sostenerlo. Si arriva addirittura a vedere i perni in titanio esposti e l’unica soluzione è l’asportazione totale dell’impianto e la cura dell’infezione stessa.

Un buona osteointegrazione garantisce quindi la stabilità all’impianto dentale, che si comporta esattamente come la dentatura naturale, e garantisce una buona durata nel tempo, sopratutto se si segue un ‘accurata igiene dentale quotidiana e i controlli abituali presso lo studio dentistico.