Banner Implantologia Dentale

La celiachia e l’odontoiatria

La celiachia è una malattia che riguarda un deficit immunitario provocato dalla reazione al glutine contenuto in tutti i farinacei come pane, pasta, pizza, alimenti a base di segale, orzo, frumento, ecc.

La stessa patologia si manifesta con sintomi chiari che riguardano la funzionalità intestinale, con la distruzione progressiva della mucosa che non riesce ad assorbire nel modo giusto i nutrienti dei vari cibi.

Le carenze che si determinano dalla mancanza di tali nutrienti si ripercuotono anche sulla salute del cavo orale e per questo è importante l’intervento dell’odontoiatria e, in particolare dell’implantologia, quando sui denti si manifesta la carie che può portare alla definitiva perdita degli stessi.

I sintomi della celiachia nel cavo orale

E’ fondamentale quindi eseguire una diagnosi molto precoce di questa malattia che può essere individuata oltre che dalla biopsia anche dalle tipiche manifestazioni presenti nel cavo orale, prime fra tutte le afte e le stomatiti e le macchie sui denti tipicamente di colore scuro (amelogenesi imperfetta e ipoplasie dello smalto).

Altri sintomi possono anche interessare la formazione ritardata dell’osso mascellare e mandibolare e anche dell’eruzione dentale nonché, come detto, di carie diffusa.

I dentisti consigliano di effettuare le prime visite odontoiatriche già a partire dai 2-3 anni, soprattutto nel caso di sintomi riconducibili e risolvibili solo con l’intervento tempestivo.

Per i bambini solitamente la procedura più utilizzata è la sigillatura dei molari che permette di proteggerli con la chiusura dei solchi, che solitamente sono quelli maggiormente esposti all’attacco di colonie batteriche.

I dentisti consigliano di eseguire una costante e perfetta igiene orale anche professionale con sedute periodiche, almeno ogni 6 mesi e l’uso di un dentifricio al fluoro.

Celiachia e implantologia

Per quanto riguarda l’implantologia il dentista dovrà verificare prima di tutto la consistenza ossea quindi la capacità di sostenere il carico di un impianto, sia che si tratti di edentulia parziale che totale.

Spesso infatti la celiachia può anche essere la causa di malocclusioni dentali per le quali è necessario l’intervento chirurgico di riposizionamento prima di procedere con l’inserimento di un impianto dentale.

Gli impianti vengono quindi installati secondo le nuove tecniche minivasive di carico immediato che permettono di riavere denti fissi provvisori anche in un’unica seduta, in attesa che si completi l’osteointegrazione e si possa procedere con la protesi fissa definitiva (dopo circa 4-6 mesi).

Il compito dell’odontoiatria naturalmente non si esaurisce certo qui dopo che è stato effettuato un intervento d’implantologia, in quanto il paziente affetto da celiachia dovrà sottoporsi periodicamente a visite di controllo per monitorare lo stato sia dei tessuti molli che delle ossa ed eseguire le normali pratiche d’igiene dentale professionale.